04/07/2021

Amici e simpatizzanti di Politica,
L' estate '21 qui a Pozzallo è iniziata anzitempo e la calura, pregna di umidità', è diventata insopportabile. Così come "E' insopportabile leggere ancora di naufragi al largo di Lampedusa" A esprimersi in questo modo è Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa ed eurodeputato che continuando il suo intervento, davanti al Parlamento europeo ha detto: "Insopportabile perché sappiamo che queste persone continueranno ad arrivare per tutta l'estate. Insopportabile perché l 'Europa può e deve porre rimedio a questa strage nota e annunciata. Insopportabile perché tutto questo avviene a pochi metri dalle spiagge di Lampedusa, stracolme di turisti, nell'indifferenza generale".Cinque miglia. Il 30 giugno questi 63 migranti in pratica erano arrivati e invece in questo naufragio sono morte almeno 5 donne e si contano 9 dispersi."E' immorale - ha concluso Pietro Bartolo - restare immobili davanti a tutto questo...serve una missione di ricerca e di soccorso nelle acque del Mediterraneo".
Non ho più seguito alcuna notizia e non so chi abbia poi vinto le primarie a Torino. Da una comunicazione che mi era pervenuta in fase di spoglio, Stefano Lo Russo era primo ed Enzo Lavolta terzo, perché tra i due candidati di partito si era posizionato Francesco Tresso, che si era speso per la candidatura a sindaco di Mauro Salizzoni. Questa notizia mi aveva piacevolmente sorpresa e non so se sia rimasta valida anche a fine spoglio, comunque mi ha fatto ripensare a un'altra candidatura mancata, quella di Gianna Pentenero, che era stata lanciata sul finire dell'estate scorsa e che poi però è improvvisamente svanita. Mi sarebbe piaciuto vederla nella veste di prima cittadina. Già sindaco di Casalborgone, consigliera regionale in carica e, nel trascorso, anche assessora regionale aveva tutte le carte in regola per essere sindaca di Torino. Chi tesse le reti per la Città purtroppo non ha voluto osare. Due donne di seguito a gestire le sorti di "Turin ca bugia" sarebbe stato troppo. Veramente troppo. E ancora una volta il cammino delle donne si è dimostrato irto di ostacoli. Ma noi siamo tenaci e non ci arrendiamo. Sarà per la prossima occasione. Al momento, in attesa di leggere la scheda di lettura, in preparazione, sulla fragile indipendenza della Magistratura, curata da Gian Paolo Zara, che di rimando mi ha fatto pensare a una ben altra fragilità (quella in cui versa in questo momento il Movimento 5 Stelle),
un caldo augurio di buone vacanze.
Con stima e simpatia
Adriana Vindigni