Un'economia indisciplinata Riformare il capitalismo dopo la pandemia


Scheda a cura di Gian Paolo Zara



Gaёl Giraud  Felsine Sarr



Un'economia indisciplinata



Riformare il capitalismo dopo la pandemia



EMI Editrice Missionaria Italiana 2021



 



 



Gaёl Giraud (Paris France 1970). Economista francese e gesuita, lavora alla Georgetown University di Washington. dove insegna Economia e dirige il Programma per la giustizia ambientale da lui fondato. Fellow dell'International Energy Agency, è direttore di ricerca del Cnrs di Parigi, dove è anche docente di Teologia politica al Centre Sèvres. Già chief economist dell'Agence française de développement, ha pubblicato Transizione ecologica (2015); vincitore del Prix Lycéen du livre économique e del premio Biella Letteratura e Industria.



 



Felwine Sarr (Guior Senegal 1972) è un economista e scrittore senegalese. Insegna Filosofia africana alla Duke University in North Caroline. Personaggio poliedrico, viene considerato uno dei più brillanti intellettuali africani. Il presidente francese Macron lo ha nominato responsabile della restituzione delle opere d'arte africane trafugate dalla Francia durante il colonialismo. Cofondatore degli Ateliers de la Pensée di Dakar, ha pubblicato Afrotopia (Edizioni dell'Asino 2018), vincitore del Grand Prix of Literary Associations.



 



 



La crisi è sotto gli occhi di tutti: è sociale ed ecologica, si esplica nelle disuguaglianze planetarie e nell'insostenibilità di un modello economico predatorio dell'ambiente. In questo quadro i due autori sono capaci di spaziare con sagacia dall’attualità alla filosofia, dalla teologia all'economia. Appoggiandosi a vari pensatori, attingendo alle grandi spiritualità religiose, i due autori disegnano una nuova mappa dell’economia. Essi concludono che "non si tratta qui di auspicare la limitazione della vita economica alla mera soddisfazione dei bisogni biologici fondamentali (nutrirsi, curarsi, vestirsi), i bisogni dello spirito e della cultura sono altrettanto essenziali nella nostra società, ma di porsi la questione dell'utilità e necessità dei beni prodotti, dei modi in cui vengono prodotti e del loro impatto sociale e ambientale".



Sarr cita il saggista indiano Pankaj Mishra, che sostiene che una profonda unità collega il risentimento dell'elettore bianco in America e Europa con il sentire dei giovani saheliani che si arruolano in Boko Aram e gli altri gruppuscoli ribelli. All'ombra della globalizzazione mercantile in opera da una quarantina di anni è stata diffusa una visione illuministica europea su scala planetaria, con la promessa di un'utopia condivisa, aperta all’avvenire; un'aspirazione molto forte alla democrazia, all'uguaglianza davanti alla legge e allo Stato di diritto. Ma tale aspirazione è stata tradita in modo estremamente violento: esplosione delle disuguaglianze, destrutturazione di numerosi legami sociali, la colonizzazione delle menti e la distruzione degli spazi abitati dagli esseri umani.

A tua disposizione il documento:
economiaindisciplinata.pdf
Puoi leggerlo o scaricarlo...

Segnalazioni e commenti

Registrati per Accedere


Per inserire una segnalazione e un commento occorre accedere con la propria user/password di utente registrato!


User:
Pass: