Notizie

Suggerimento

IN EVIDENZA

Si suggerisce la lettura


Newsletter n° 142. Dentro l'Incarnazione. Lunedì 24 dicembre 2018  CLICCA


 

AUGURI DI BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO

IN EVIDENZA

News ISTITUTO DE GASPERI

IN EVIDENZA

IL DECRETO “SALVINI” E’ LEGGE. Aggiorniamo il nostro precedente “testo a fronte” del decreto-legge alla luce della legge di conversione: clicca e scarica il Decreto-legge "Salvini" coordinato con la legge di conversione, testo a fronte.pdf


In sostanza, la nostra pubblicazione espone in ordine cronologico i provvedimenti legislativi in materia di immigrazione come modificati dalla nuova normativa (in coda gli altri provvedimenti modificati, che solo in parte riguardano la materia immigratoria).


La nuova Legge (1 dicembre 2018, n. 132) ci sembra una soluzione a “marce forzate” del problema immigrazione:


- riduzione drastica ad alcune precise e ben delimitate ipotesi della protezione umanitaria, forma minore rispetto a quella del “rifugiato” e alla protezione “sussidiaria”, ma sempre apprezzabile (segnaliamo che, alla scadenza di termini pur generosi, gli  attuali  beneficiari dei permessi per ragioni umanitarie diventeranno in gran parte irregolari);


- frantumazione e prosciugamento del grande bacino dei richiedenti asilo,  indirizzati non più ai punti di accoglienza e integrazione (piccoli,  diffusi e gestibili) degli Enti locali, ma ai centri governativi di emergenza, in attesa di dirottamento verso i centri di espulsione,  dopo una decisione prevedibilmente accelerata e severa sulle loro domande di asilo.


Si tenga infatti conto delle misure di  rafforzamento predisposte per le Commissioni territoriali che debbono giudicare le domande di asilo ma soprattutto, per i Tribunali che debbono decidere in caso di diniego della domanda sugli eventuali ricorsi, della riduzione dei gradi di giudizio operata in precedenza.


Rimangono naturalmente il problema degli irregolari sparsi sul territorio, attuali e futuri e quello della praticabilità dei rimpatri, ma soprattutto il punto critico della tenuta delle frontiere esterne attivate dal precedente Governo (a partire dalla costa libica presidiata dalle motovedette concesse alla guardia costiera libica e dalle milizie nei campi di concentramento, dopo aver sgombrato il Mediterraneo dalle navi delle Organizzazioni non governative).


Il provvedimento poi nulla presenta sotto il profilo di nuovi canali regolari di ingresso (in primis quelli per la ricerca di lavoro).


Insomma, solo misure negative. L’immigrazione sembra rappresentare il vero lato oscuro di questo Governo. Esso si impone, offuscandole, sulle altre misure e politiche governative.


La nuova legge va tuttavia conosciuta. L’Istituto De Gasperi è disponibile a collaborare con associazioni e gruppi per  organizzare incontri informativi e di approfondimento, piccoli o più strutturati (per informazioni 340.3346926).


 


DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI.   Sono trascorsi settant’anni da quando (10 dicembre 1948) l’Assemblea generale della Nazioni Unite votò questo documento, fondamento del diritto internazionale e dell’attività dei promotori dei diritti umani nel mondo.


Pubblichiamo il testo integrale, clicca e scarica la Dichiarazione universale dei diritti umani.pdf
Sul Corriere della Sera Donatella Di Cesare (l’autrice, presso Bollati Boringhieri, del volume Stranieri residenti. Una filosofia della migrazione, 2017) offre una lettura nient’affatto scontata della Dichiarazione e delle sue fortune nel tempo: clicca e scarica D. Di Cesare Il naufragio dei diritti umani (anche) nelle democrazie liberali.pdf

PER NON DIMENTICARE

IN EVIDENZA
28/01/2017

27 gennaio 2017, giornata del ricordo. Tre poesie di Primo Levi


Scuola e dintorni, Premessa

IN EVIDENZA
26/01/2017

Premessa di Gianna Montanari alla nuova rubrica di Parliamo di..., Scuola e dintorni


L\'insegnamento dei padri

IN EVIDENZA
17/01/2017

spesso e volentieri capita di leggere ed ascoltare che la nostra società è una società senza padri, per
cui corre naturale rivolgersi ai padri trascorsi. Politica, di recente, ha voluto richiamare due Padri
costituenti, Giorgio La Pira e Piero Calamandrei. Di quest’ultimo presenteremo prossimamente il
pensiero sulla scuola.
Alla luce di un lutto nel mondo accademico, il 9 gennaio, per la scomparsa del filosofo Zygmunt
Bauman, presentiamo l'articolo di Chiara Giaccardi e Mauro Magatti sul filosofo della “società
liquida” apparso su Avvenire il 10 gennaio 2017, postato sul sito “Alzo gli occhi verso il cielo” il
12-1-2017
http://alzogliocchiversoilcielo.blogspot.it/2017/01/chiara-giaccardi-mauro-magatti-bauman-interprete-di-un-mondo-fragile.html
Mi sembra opportuno che a questo articolo sia data debita diffusione e, con l’occasione, anche
ricordare che, in archivio, del sociologo si possono leggere le schede dei suoi ultimi libri: Il demone
della paura, http://politicaassociazione.it/dati/8/Libro-Bauman-Zygmunt.pdf e Conversazioni su
Dio e sull’uomo, http://politicaassociazione.it/dati/8/Bauman-Obirek-scheda.pdf .
Con stima e simpatia
Adriana Vindigni


Calamandrei 1

IN EVIDENZA
07/01/2017

Parliamo di 2017 si apre con un testo di Piero Calamandrei sull'articolo 34 della Costituzione. Prima parte


Toni Revelli

IN EVIDENZA
20/12/2016

Ricordo di don Toni Revelli


Considerazioni sul dopo referendum e AUGURI

IN EVIDENZA
13/12/2016

Da Adriana Vindigni: considerazioni sul dopo referendum e auguri agli amici di Politica


Continua il dibattito... SI o NO...

IN EVIDENZA
27/11/2016

A integrazione dei documenti sul referendum istituzionale del 4 dicembre già indicati, segnaliamo altri testi utili, in allegato o in link:


- il sito http://www.illibraio.it/libri-referendum-costituzionale-391258/, dove, oltre al testo del quesito referendario e alla sintesi degli eventi che hanno portato a questo referendum,  è indicata una serie di libri schierati per il Sì o per il NO


- “Per un processo costruttivo” editoriale di “Aggiornamenti sociali”, fascicolo di novembre 2016


- un contributo al dibattito inviato a Politica dal professor Mario Rey dal titolo "La posta in gioco"


- “Le dieci bugie sulla “riforma” rifilate da Renzi agli italiani all'estero”, di Marco Travaglio, “Il fatto quotidiano, 14 novembre 2016.


- l'intervista di Rossella Guadagnini al generale in pensione di Corpo d'Armata Fabio Mini, Micromega, 18 novembre 2016.  temi.repubblica.it/micromega-online/referendum-fabio-mini-“no-a-riforma-che-sottrae-al-parlamento-decisione-su-dichiarazione-di-guerra


- Il Manifesto per il sì, su www.bastaunsi.it/manifesto/


Nel corso della prossima settimana Politica, se li riterrà interessanti, segnalerà altri contributi dei due schieramenti.


 


Totale n.356   Pag. | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36