Notizie

George Floyd Firma la lettera aperta contro il razzismo e la brutalita\' poliziesca

IN EVIDENZA

Credo che ti vorrai unire


Firma la lettera aperta



Ci impegniamo a fare la nostra parte, opponendoci alla paura, alla rabbia e all'ignoranza del razzismo con tutta la speranza, l'amore e la forza della nostra umanità.

Riposa in pace, George Floyd.

La tua morte non sarà invano

ACINO LII - Videolezioni

IN EVIDENZA

Videolezioni: cronache semiserie

Su "Rocca" (n. 7/8, 1/15 aprile 2020, pp. 37-39) Marco Gallizioli nell'articolo "Videolezioni: cronache semiserie" fa un'analisi a caldo del nuovo modo digitale di fare scuola ai tempi del coronavirus. La sua è davvero una cronaca semiseria, con notazioni umoristiche a proposito degli allievi che, visti da uno schermo, appaiono tutti attenti e zitti; ma sarà così? Qualche indizio suggerisce qualche defezione… Ma insieme alla nostalgia del docente per le piccole cose della vita scolastica quotidiana, anche quelle meno gradevoli, c'è anche la scoperta, con meraviglia, della profondità delle riflessioni di alcuni studenti: "Mi ha meravigliato la capacità di alcuni di aprirsi anche a profonde domande di senso, ad analisi per nulla superficiali su ciò che questa tragedia permette di comprendere, su ciò che ci costringerà a scegliere, insieme, come umanità...". L'autore manifesta la convinzione che questa non potrà essere la didattica del futuro: "… la scuola, quella di sempre, è essenzialmente relazione e incontro: è così fisica che nessun surrogato può efficacemente sostituirla". Ma per il momento "cerchiamo per come siamo capaci di diventare sperimentatori e apripista… Ogni tempo ha le sue sfide; questo, ci ha provocati così, senza preavviso e senza corsi di formazione specifica".
    A cura di Gianna Montanari

ACINO LIII - W LA MAMMA

IN EVIDENZA

W LA MAMMA



Cara sconosciuta ragazza, scrivo a te che da poco sei mamma e hai tra le braccia un fagottino nuovissimo. Sei un tipo in gamba… ma anche tu sei nuova, come mamma e forse oggi, senza confessarlo neanche a te stessa, hai un po’ paura. Magari cerchi aiuto intorno a te ma non ti bastano i consigli di cui sono prodighe mamma e suocera. C’è il marito, il fidanzato o compagno, in una parola l'UOMO! Ma purtroppo in genere brilla per inadeguatezza e frasi infelici: -Sei bellissima, amore, vedrai che con un po' di ginnastica quella pancia ti andrà via-


Certo, ci sono alcuni splendidi esemplari di uomini, rare creature (esistono, qualcuno le ha viste!) che sanno fare proprio tutto, tranne che allattare il bambino, per ovvi motivi.


Io mi rivolgo a te che non hai accanto l'eccezione, ma quel bravo ragazzo un po' sperso, che la volta che gli lasci la bambina dopo dieci minuti ti telefona: - Senti, Giulia continua a piangere, che faccio? vado al pronto soccorso? - (Di questi tempi poi!)


A te che ti chiedi come ha fatto tua madre, che criticavi tanto! a crescere tre figli, quando tu con uno solo stai per dare di matto; a te che di fronte al suddetto fagottino che sta sveglio di notte e che di giorno pare il Bambinello dormiente, a te che crolli dalla stanchezza e ora stai pensando :- Non ce la faccio più…Proprio a te dico: Coraggio, ce la stai già facendo! in ogni bambino c'è una forza che non dipende dalla perfezione della madre, se no il mondo sarebbe finito da un pezzo. E in ogni madre c'è un potere di cui ignora la grandezza. Lei e il figlio sono due parti di amore, cieco e inconsapevole quello del neonato, adulto e crescente quello della madre, che fioriscono, si cercano, si ricongiungono, insieme prendono forma e diventano la MAMMA e il suo BAMBINO. Auguri mamma! Non sei perfetta, non importa, non riesci a essere come vorresti, non importa. Sorridi un po' a te stessa e anche di te stessa. In fondo ha ragione lui, sei bellissima e vedrai che con un po' di ginnastica eccetera…Ogni tanto ti viene da pensare un po’ male di lui? Ma no, abbi pazienza. Anche lui ha bisogno di fare un percorso per diventare PAPA'.



https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=123334022689568&id=110932317263072&scmts=scwspsdd&extid=X5vn7x5qwJTbSyoG 



Paola Montanari

ACINO L - Siamo in cura, non in guerra

IN EVIDENZA
08/04/2020

Guido Dotti


Monaco di Bose

 


29 marzo 2020

 


 

 


 

 


Per una nuova metafora del nostro oggi

 


No, non mi rassegno. Questa non è una guerra, noi non siamo in guerra.

 


Da quando la narrazione predominante della situazione italiana e mondiale di fronte alla pandemia ha assunto la terminologia della guerra – cioè da subito dopo il precipitare della situazione sanitaria in un determinato paese – cerco una metafora diversa che renda giustizia di quanto stiamo vivendo e soffrendo e che offra elementi di speranza e sentieri di senso per i giorni che ci attendono.

 


Il ricorso alla metafora bellica è stato evidenziato e criticato da alcuni commentatori, ma ha un fascino, un’immediatezza e un’efficacia che non è facile debellare (appunto). Ho letto con estremo interesse alcuni dei contributi – non numerosi, mi pare – apparsi in questi giorni: l’articolo di Daniele Cassandro (“Siamo in guerra! Il coronavirus e le sue metafore”) per Internazionale, la mini-inchiesta di Vita.it su “La viralità del linguaggio bellico”, l’intervento di Gianluca Briguglia nel suo blog su Il Post (“No, non è una guerra”) e l’ottimo lavoro di Marino Sinibaldi su Radio 3 che ha dedicato una puntata de “La lingua batte” proprio a questo tema, introducendo anche una possibile metafora alternativa: il “lessico della tenacia”. Le decine di artisti, studiosi, intellettuali, attori invitati a scegliere e illustrare una parola significativa in questo momento storico hanno fornito un preziosissimo vocabolario che spazia da “armonia” a “vicinanza”, ma fatico a trovarvi un termine che possa fungere anche da metafora per l’insieme della narrazione della realtà che ci troviamo a vivere.

 


Eppure, come dicevo da subito, non mi rassegno: non siamo in guerra!

 


 

 


Per storia personale, formazione e condizione di vita, conosco bene un crinale discriminante, quello tra lotta spirituale e guerra santa o giusta, lungo il quale è facile perdere l’equilibrio e cadere in una lettura di se stessi, delle proprie vicende e del corso della storia secondo il paradigma della guerra.

 


 

 


Ma allora, se non siamo in guerra, dove siamo? Siamo in cura!

 


 

 


Non solo i malati, ma il nostro pianeta, tutti noi non siamo in guerra ma siamo in cura. E la cura abbraccia – nonostante la distanza fisica che ci è attualmente richiesta – ogni aspetto della nostra esistenza, in questo tempo indeterminato della pandemia così come nel “dopo” che, proprio grazie alla cura, può già iniziare ora, anzi, è già iniziato.

 


Ora, sia la guerra che la cura hanno entrambe bisogno di alcune doti: forza (altra cosa dalla violenza), perspicacia, coraggio, risolutezza, tenacia anche… Poi però si nutrono di alimenti ben diversi. La guerra necessita di nemici, frontiere e trincee, di armi e munizioni, di spie, inganni e menzogne, di spietatezza e denaro… La cura invece si nutre d’altro: prossimità, solidarietà, compassione, umiltà, dignità, delicatezza, tatto, ascolto, autenticità, pazienza, perseveranza…

 


Per questo tutti noi possiamo essere artefici essenziali di questo aver cura dell’altro, del pianeta e di noi stessi con loro. Tutti, uomini e donne di ogni o di nessun credo, ciascuno  per le sue capacità, competenze, principi ispiratori, forze fisiche e d’animo. Sono artefici di cura medici di base e ospedalieri, infermieri e personale paramedico, virologi e scienziati… Sono artefici di cura i governanti, gli amministratori pubblici, i servitori dello stato, della res publica e del bene comune… Sono artefici di cura i lavoratori e le lavoratrici nei servizi essenziali, gli psicologi, chi fa assistenza sociale, chi si impegna nelle organizzazioni di volontariato… Sono artefici di cura maestre e insegnanti, docenti e discenti, uomini e donne dell’arte e della cultura… Sono artefici di cura preti, vescovi e pastori, ministri dei vari culti e catechisti… Sono artefici di cura i genitori e i figli, gli amici del cuore e i vicini di casa… Sono artefici – e non solo oggetto – di cura i malati, i morenti, i più deboli, beni preziosi e fragili da “maneggiare con cura”, appunto: i poveri, i senza fissa dimora, gli immigrati e gli emarginati, i carcerati, le vittime delle violenze domestiche e delle guerre…

 


Per questo la consapevolezza di essere in cura – e non in guerra – è una condizione fondamentale anche per il “dopo”: il futuro sarà segnato da quanto saremo stati capaci di vivere in questi giorni più difficili, sarà determinato dalla nostra capacità di prevenzione e di cura, a  cominciare dalla cura dell’unico pianeta che abbiamo a disposizione. Se sappiamo e sapremo essere custodi della terra, la terra stessa si prenderà cura di noi e custodirà le condizioni indispensabili per la nostra vita.

 


Le guerre finiscono – anche se poi riprendono non appena si ritrovano le risorse necessarie – la cura invece non finisce mai. Se infatti esistono malattie (per ora) inguaribili, non esistono né mai esisteranno persone incurabili.

 


 

 


Davvero, noi non siamo in guerra, siamo in cura!

 


Curiamoci insieme.

 


Reminescenze dantesche a cura di Gianna Montanari Bevilacqua

IN EVIDENZA
23/03/2020

Il 25 marzo 2020 si aprirà ufficialmente l’anno dantesco, che si prolungherà fino al 2021 per celebrare i 700 anni dalla scomparsa di Dante Alighieri, nato a Firenze nel 1265, morto a Ravenna nel 1321. Il 25 marzo sarà d’ora in avanti il Dantedì, poiché gli studiosi collocano in tale data l’inizio del viaggio del sommo poeta negli Inferi. In mezzo a tutti i discorsi e le manifestazioni che si terranno ad alto livello, voglio aggiungere alcune mie modeste riflessioni e ricordi legati alle mie esperienze scolastiche sia come studentessa che come insegnante.


In prima liceo aspettavo con ansia di cominciare la lettura della Divina Commedia, ma il nostro professore d’Italiano, che era senz’altro un tipo originale, ci fece attendere fino alla fine del primo trimestre. Aveva, sì, iniziato a parlarci di Dante, ma la prima informazione che ci diede fu che quel monellaccio fiorentino faceva battaglia per strada… a palle di letame con gli altri ragazzi. Continuò con questo ritornello a lungo, volendo così introdurci – credo - nell’ambiente sociale e storico in cui il piccolo Alighieri era cresciuto. Sinceramente non ho mai approfondito la veridicità di quella notizia, ma è rimasta indelebile nella mia memoria. Naturalmente ad essa, lezione per lezione, seguì la storia di Firenze tra la fine del 1200 e i primi anni del ‘300: i guelfi e i ghibellini, i guelfi bianchi e i guelfi neri, l’intervento del papa Bonifacio VIII a favore dei guelfi bianchi, le lotte intestine e l’esilio di Dante; conoscemmo la storia dei Comuni italiani, con le loro divisioni e rissosità, l’ideale dantesco di un Impero che mettesse fine a tutte le dispute e esercitasse il suo potere in forma autonoma dal potere papale, in quanto entrambi discendenti direttamente da Dio; era la cosiddetta teoria “dei due Soli”, che confutava la visione ierocratica affermata ai primi del ‘200 dal papa Innocenzo III, secondo cui, come la Luna riceve la luce dal Sole, così il potere politico riceveva la sua legittimazione dal Papato. Dopo aver letto dalla VitaNova “Tanto gentile e tanto onesta pare..” e dopo esserci fatta un’idea del perché Dante avesse scritto un trattato in latino (De vulgari eloquentia) per affermare l’importanza di una lingua volgare unitaria, finalmente ci avvicinammo al sommo poema. La lettura fu allietata dagli schizzi alla lavagna raffiguranti la voragine dell’Inferno, la montagna del Purgatorio, i cieli del Paradiso; quelli che ricordo meglio sono i disegni di Beatrice, una sagoma curvilinea ai punti giusti… d’altra parte il prof. ci diceva che avrebbe voluto pubblicare la Divina Commedia a fumetti. Tuttavia, a parte queste “piacevolezze”, il professor Enrico Andreoli ci fece entrare nell’universo dantesco e ce ne fece intendere lo spirito, senza nozionismi, battendo e ribattendo sui concetti essenziali. Le sue lezioni erano un happening, a parte quella volta in cui entrò il Preside e si fermò a seguire il commento al canto XXXIII dell’Inferno, quello del conte Ugolino, e nella circostanza l’Andreoli fece una lezione dotta, soffermandosi sulle interpretazioni del celebre verso Poscia, più che ‘l dolor, poté ‘l digiuno.


Anni dopo, diventata insegnante a mia volta, mi trovai a parlare di Dante alle classi di un Istituto tecnico industriale, quindi a ragazzi in genere più portati per le materie tecnico scientifiche che per la letteratura. La Divina Commedia però li coinvolse. Naturalmente l’interesse maggiore


era per l’Inferno, per i grandi personaggi: Paolo e Francesca, Farinata degli Uberti, Ulisse; la loro domanda, espressa o inespressa, era questa: perché li mette all’Inferno, se ce ne fa conoscere la grandezza? Io rispondevo loro richiamando la lezione dell’Andreoli: perché misero la loro più grande passione, sia che fosse l’amore sia la politica sia la sete di conoscenza, al di sopra del sommo bene che è Dio, perché fecero di quella passione il loro Dio. Un canto che suscitava grande attenzione era il V, in cui tra i lussuriosi, percossi dalla bufera infernale che mai s’arresta, Dante incontra Paolo e Francesca, i due sventurati amanti uccisi da Gianciotto Malatesta, marito di Francesca e fratello di Paolo. Spesso quando leggevo i versi in cui Francesca spiega come, in vita, i due giunsero a manifestarsi il loro amore (Noi leggiavamo un giorno per diletto / di Lancialotto come amor lo strinse: / soli eravamo e sanza alcun sospetto...) il silenzio si faceva assoluto. Un consiglio posso dare ai giovani docenti che si cimenteranno con quei sublimi versi: leggete voi, ad alta voce, leggete bene. La vostra lettura sarà il miglior passaporto per inoltrarsi nel viaggio. E quando arriverete al canto XXVI dell’Inferno, in cui Ulisse racconta l’ultimo suo viaggio oltre le Colonne d’Ercole, leggetegli anche il capitolo XI di Se questo un uomo. Quello in cui Primo Levi, nell’inferno del lager, nell’intento di insegnare l’Italiano a Jean, il Pikolo del Commando, mentre entrambi trasportavano la marmitta con il rancio, decide di partire dal canto XXVI dell’Inferno, sforzandosi di ricordare a memoria l’ultimo viaggio di Ulisse. Sono pagine sublimi, che tutti dovremmo conoscere e tenere a mente.


Gianna Montanari


ACINO XLVIII - DANTEDI

IN EVIDENZA
11/03/2020

DANTEDI



Il nostro grande padre Dante ha trovato finalmente una collocazione nel nostro vivere quotidiano, con una giornata dedicata alla sua memoria. Infatti, il 25 marzo , in modo perenne,  sarà ricordato nel nostro calendario, dopo 700 anni dalla sua morte, giorno così ufficializzato: Firenze, 1265- Ravenna 1321.


La proposta, partita dal Corriere della Sera, ha trovato riscontro  ed appoggio di eminenti studiosi ed è stata sostenuta dal nostro attuale ministro dei Beni culturali, con un'operazione a largo raggio, volendo coinvolgere anche le scuole, oltre che l'opinione pubblica.


Uomo di grande statura intellettuale e morale, di vastissima cultura, si apre ad una scelta coraggiosa, usando la nuova lingua, il volgare, come mezzo di espressione di nuovo conio. Visse anche nell'agone socio-politico e l'amara esperienza dell'esilio e della precarietà esistenziale con forza e dignità.


Nella Divina Commedia esprime la profonda conoscenza dell'umanità, nelle sue sfumature psicologiche, e la possibilità della crescita interiore verso il perfezionamento, fiducioso nella capacità degli uomini (in senso lato) della  conoscenza. Infatti, ce ne lascia un forte monito con la celebrata terzina: "Considerate la vostre semenza/ fatti non foste a viver come bruti/ ma per  seguir virtute e canoscenza" (Inferno, canto XXVI, 118-120).


(a cura di Giuseppina Serio)


ACINO XLVII - BUON GOVERNO

IN EVIDENZA
26/01/2020

Michele Salvati (Cremona 1937) laureato in Giurisprudenza a Pavia e successivamente in Economia
all'Università di Cambridge, parlamentare dell'Ulivo (1996-2001), è stato teorizzatore del Partito
democratico ed è editorialista al Corriere della Sera.
Su questo quotidiano, in un articolo apparso l'otto gennaio u.s., analizza le caratteristiche che
contraddistinguono il buon governo e le difficoltà che incontrano al riguardo il fronte liberaldemocratico
e quello populista.
A suo avviso tre sono i caratteri che contraddistinguono il "buon governo": il primo, essere
democratico, in cui "il consenso dei cittadini (è) misurato da una legge elettorale largamente
accettata..."; il secondo, essere liberale, nel rispetto dei "principi contenuti in gran parte delle
Costituzioni europee vigenti: separazione dei poteri e diritti/doveri dei cittadini ben definiti e
difesi..."; il terzo, essere in grado di "affrontare in modo realistico e competente le sfide da cui
dipende il benessere a lungo termine dei cittadini...". Alle forze politiche democratiche e liberali è
richiesto, anche con approssimazione, di rispettare al meglio tutti e tre questi elementi. "L'Italia è
quella in cui l'approssimazione è tra le meno riuscite" soprattutto per l'ultimo aspetto. "Nel caso
italiano- prosegue l'editorialista- le riforme, da mettere in cantiere per scongiurare il declino che
minaccia il Paese e rende impossibile il "benessere a lungo termine " dei cittadini, sono difficili e
impopolari. E anche se ben disegnate e perseguite con continuità, esse impiegherebbero molto
tempo a sortire effetti benefici percepiti dalla maggioranza della popolazione: troppo forte il
degrado accumulato in passato e troppo ampio il terreno da recuperare". Le difficoltà economicosociali,
incontrate dagli italiani hanno costituito, ormai è noto, ma è bene ricordarlo, la prima causa
del successo populista. Successo populista che prima è stato a trazione fortemente pentastellata e
oggi appannaggio del salvinismo leghista. La seconda causa dell'avanzata del fronte populista -
continua Michele Salvati -" è il discredito in cui sono caduti i partiti che hanno governato in questi
anni. I populisti danno all'insoddisfazione dei cittadini risposte demagogiche, miranti a catturare il
loro consenso elettorale immediato...". In questa seconda causa, a giudizio dell'autore, si cela il
tallone d'Achille dei populisti, che consiste nella "contraddizione tra la loro capacità di raccogliere
un grande consenso elettorale combinata con l'impossibilità di definire un programma realistico di
governo nel contesto europeo e internazionale..". Il politologo individua alcuni temi di programma
di governo e l'elenco che ne fa potrebbe essere ancora più lungo: debito pubblico, scuola,
Mezzogiorno, Europa, pubblica amministrazione, produttività, giustizia, demografia. "A far
esplodere la contraddizione dovrebbero essere le forze liberal-democratiche, tallonando su questi
temi i populisti, al governo o all'opposizione che siano". "Ma queste forze, oltre ad affrontare il
formidabile ostacolo di dover "vendere" agli elettori un programma realistico e orientato al lungo
periodo.... devono anche dare l'idea di essere un fronte unito... Capace insomma di attuare quel
"buon governo" di cui l'Italia ha grande bisogno".
(a cura di Adriana Vindigni)


ACINO XLVI - VIRTUOSA CONCRETEZZA

IN EVIDENZA
25/11/2019

Virtuosa concretezza


La politologa Nadia Urbinati docente di Teoria della Politica alla Columbia University di New York, nell'articolo apparso sul "Corriere della Sera" lunedì 9 settembre scorso, dal titolo I terreni su cui giocare -Una sfida necessaria, così scrive: " La virtù politica non si può imporre. Ma la ragione prudente può ispirare, per convenienza e necessità, comportamenti virtuosi. Non per raggiungere chissà quali traguardi, ma per mettere in cantiere un progetto pragmatico, possibile e utile. Questo governo si trova in questa condizione: è costretto a essere un buon governo....Finire la legislatura è un obiettivo di grande importanza, ma difficile da realizzare se non sostenuto da un'azione efficace di governo e una compattezza decisionale. Prendere poche decisioni, chiare, subito, sui temi che più hanno messo l'Italia nell'angolo, in Europa e nell'Occidente.... L'entusiasmo per un governo coraggioso e originale, che traspariva dal messaggio di Beppe Grillo e ha accompagnato l'ultima fase delle consultazioni, dà il senso del rischio, della scommessa. Il Movimento e il Pd, che le rispettive leadership hanno tenuto in una condizione di inimicizia per anni, hanno una base progettuale non troppo distante e opposta... L'Italia sociale ha bisogno di trovare vigore e protagonismo, di uscire dal rifugio assistenziale. La sfida al populismo si gioca dunque sul terreno della prudenza e della lungimiranza, che sono virtù politiche ardue perché richiedono attori che sappiano vedere l'utile oltre il loro naso, oltre i numeri dei sondaggi, oltre lo stillicidio del presentismo mediatico. Si dice che la necessità aguzzi l'ingegno- questo governo non ha altra scelta che essere un buon governo. Diversamente sarebbe una palla al piede in un Paese paralizzato e instabile, giustamente punito dagli elettori...."


 


( a cura di Adriana Vindigni)


ACINO XLV - E IL MURO CADDE

IN EVIDENZA
05/11/2019

E IL MURO CADDE


Heiko Maas, ministro degli esteri tedesco, sul Corriere della Sera, di sabato 2 novembre 2019, ha esposto le sue considerazioni sul Crollo del Muro di Berlino, il 9 novembre 1989, a pag. 28 di questo quotidiano: è quanto mai , oggi, utile riportare in sintesi i pensieri del ministro, ricchi di spinte emotive e di tensioni ideali verso una UE di grande avvenire, partendo dal titolo “Trent’anni dopo la Caduta del Muro – il 1989 ha dimostrato cosa può fare l’Europa”. Così l’autore: “ Chiunque di noi in Europa abbia assistito al 9 novembre 1989, può rispondere a questa domanda. “ “Con il muro è caduta anche la Cortina di ferro che per quarant’anni aveva lacerato il nostro continente”. “ Festeggiamo anche il coraggio con cui la gente in tutta l’Europa centrale ed orientale ha conquistato libertà e democrazia. Festeggiamo un’Europa che per sua felicità è unita”. “Per noi ne deriva un dovere: completare l’unificazione dell’ Europa. Costruire un’Europa che rende giustizia all’ideale di Spinelli di un continente unito, agli obiettivi dei padri fondatori De Gasperi, Schuman e Adenauer e ai valori e ai sogni di chi nel 1989 scese in piazza per la libertà e la democrazia.” “Nessuno di noi gestirà da solo le quattro grandi sfide mondiali: globalizzazione, cambiamenti climatici, digitalizzazione e migrazione”.


a cura di Giuseppina Serio


ACINO XLIV - USA

IN EVIDENZA
28/10/2019

USA


Angelo Panebianco (Bologna, 1948), politologo, saggista, accademico, editorialista del Corriere della Sera, su questo quotidiano ha esposto  la sua dotta riflessione  su “Il ruolo smarrito degli USA – Un mondo senza gendarmi, e l’Europa incapace di tutto”, in un fondo pubblicato lunedì 14 ottobre 2019, pag. 1-28. A che punto, dunque si trova l’imperialismo americano? “Adesso gli Americani stanno andando sul serio a casa”: è un bene, è un male?  “ E’ sufficiente ragionare politicamente”. Punto di partenza è l’abbandono dei Curdi a se stessi, in una guerra che li vede in lotta con la Turchia di Erdogan la quale ha posto in essere “una rottura culturale, prima ancora che politica con l’Occidente”, istituendo “ in nome di una combinazione di islamismo e nazionalismo e del ripudio dell’eredità laica di Ataturk –il padre della Turchia moderna”, l’attuale  fisionomia  di quel territorio. Appaiono evidenti alcune considerazioni sul ruolo della Turchia, degli USA, dell’Europa. L’America si è giocata la credibilità come alleato ed ha permesso l’avanzata di potenze autoritarie, Russia e Cina (grandi) e Turchia e Iran (medie). Ora, l’analisi dell’autore riflette su tre questioni: “l’appartenenza della Turchia alla Nato, le sorti dell’Unione Europea, la parabola dell’egemonia statunitense”. Riguardo alla prima questione: la guerra turca in corso dovrebbe indurci a porre il problema dell’appartenenza della Turchia alla Nato, in quanto “non si potrà continuare ancora a lungo a fingere che la Turchi sia un membro come un altro”. “la seconda questione riguarda l’Europa “, tacciata di immobilismo, spaccata nelle decisioni e “biasimare e condannare non risolve nulla. Urgono contromisure”, perché ci sono problemi di influenza, di terrorismo, di profughi e quant’altro. La terza questione  investe gli USA: “Da ultimo c’è la questione della parabola della potenza americana. Il suo declino è  inevitabile? Forse si, forse no”. Ma la strategia di Trump è dirompente e preoccupante, “ha minato la credibilità dell’America, a tutto vantaggio delle potenze autoritarie”.


a cura di Giuseppina Serio


Totale n.366   Pag. | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37